“Difterite tra gli asilanti, dovete aggiornarci”

Nonostante i quattro casi di difterite registrati al centro asilanti di Chiasso, l’Ufficio del Medico Cantonale ha pensato bene di non aggiornare il Comune di quanto stava succedendo, ma di tenere aggiornati soltanto i responsabili dello stesso centro sulle misure cautelari da intraprendere. Una decisione che non è stata affatto gradita dal Municipio di Chiasso, che ha scritto una lettera allo stesso medico cantonale. In esclusiva, il Mattinonline ha trovato una copia della stessa. Leggi tutto su Mattinonline
Leggi tutto

Lega e UDC, firmata l’intesa per le elezioni federali

La riunione di oggi mercoledì 29 luglio a Lugano tra i rappresentanti della Lega dei Ticinesi e l’UDC ha avuto come esito l’accordo di correre assieme per le prossime elezioni federali di ottobre e di stabilire una maggiore collaborazione. I punti principali dell’intesa sono il congiungimento delle liste e il sostegno reciproco per i vari candidati proposti, mentre a livello Cantonale, entrambi gli schieramenti promettono di evitare in futuro attacchi ad esponenti dell’uno o dell’altro partito. Oltre all’intesa a livello nazionale, i due movimenti promettono collaborazione anche per quanto riguarda il livello comunale. Leggi tutto su Mattinonline
Leggi tutto

“Casi di difterite e voi non ce lo dite?”

Il Comune di Chiasso infuriato con l’Ufficio del Medico Cantonale. L’esecutivo non avrebbe affatto gradito di essere rimasto all’oscuro dei quattro casi di difterite scoperti dal Mattinonline, con tanto di lettera dello stesso Medico Cantonale al centro asilanti di Chiasso dove si indicavano le misure precauzionali da intraprendere. Il Municipio ha quindi deciso di chiedere spiegazioni a Bellinzona, come conferma la municipale, nonché Consigliera Nazionale per la Lega dei Ticinesi, Roberta Pantani. Roberta Pantani, perché avete scritto una lettera all’Ufficio del Medico Cantonale? Perché è assurdo che ci sono quattro casi di difterite a Chiasso e il Municipio lo deve venire a scoprire dal Mattinonline e non da chi è preposto ad avvisarci. Come conferma l’articolo 107 della Loc, il Comune è responsabile della tutela della salute pubblica: il Medico Cantonale era quindi tenuto ad avvertirci per tempo. Il Medico Cantonale ha comunque fatto mettere in pratica le misure cautelari per evitare i rischi di contagio. Non mettiamo in dubbio la bontà delle precauzioni e delle misure imposte dal Medico Cantonale, ma non è possibile che certe informazioni vengano scoperte per vie traverse. La segnalazione era doverosa: abbiamo scritto a Bellinzona per capire il motivo di questo comportamento. Preoccupati dai casi di difterite? Certamente. Si tratta di una malattia grave che era stata debellata in Europa grazie alle vaccinazioni obbligatorie. Ma la mia grande preoccupazione adesso è per i bambini che, per scelta dei genitori, non sono stati vaccinati e sono quindi esposti a un batterio potenzialmente mortale. http://www.mattinonline.ch/il-comune-di-chiasso-scrive-al-medico-cantonale-casi-di-difterite-e-voi-non-ce-lo-dite/
Leggi tutto

Imposte di successione affossate

L’iniziativa sulle imposte di successione proposta dal PS ha registrato un secco rifiuto da parte del popolo, con oltre il 70% dei contrari. Roberta Pantani, Consigliera Nazionale Lega dei Ticinesi: “L’ennesima iniziativa della sinistra contro chi, secondo loro, dovrebbe essere punito per aver lavorato per poter dare in futuro qualcosa ai propri eredi. L’imposta di successione era assolutamente fuori misura ed è giusto che sia stata punita dal popolo. Adesso spero che il messaggio del popolo sia chiaro per la sinistra, che in pochi mesi si è vista affossare diverse iniziative simili”. http://www.mattinonline.ch/pantani-imposte-di-successione-affossate-il-ps-ha-capito-il-messaggio-del-popolo/
Leggi tutto

È ora che le autorità federali ascoltino i cittadini!

La consegna di 5’000 firme ad Astano per chiedere il presidio delle dogane e la chiusura notturna dei valichi, è un’altra dimostrazione di come la gente non sopporti più la delinquenza che si diffonde nel nostro Cantone, la Consigliera Nazionale della Lega dei Ticinesi Roberta Pantani… “Questa è un’ulteriore dimostrazione che mette in evidenza come la popolazione ticinese sia preoccupata dal fenomeno dell’importazione della criminalità. Così come a Pedrinate, dove una simile iniziativa era stata portata avanti, oggi tocca ad Astano e secondo me, possiamo definire questi gesti quasi come una “sollevazione popolare” di cittadini che si mettono in prima persona a servizio della comunità su temi molti sentiti. Io stessa avevo lanciato una mozione a Berna per chiedere la chiusura dei valichi di confine durante la notte ed ora è il momento che le autorità federali mettano in pratica questa decisione!” http://www.mattinonline.ch/raccolta-di-firme-ad-astano-pantani-e-ora-che-le-autorita-federali-ascoltino-i-cittadini/
Leggi tutto

Incendio alla stazione di Mendrisio risolto troppo tardi

Lo scorso 20.05. ha avuto luogo un importante incendio nei pressi della stazione ferroviaria di Mendrisio. L’allarme incendio è stato dato dal Comando del Corpo Pompieri di Mendrisio al CEP di Pollegio alle 21.59, con richiesta di disalimentazione e messa a terra della stazione di Mendrisio per poter intervenire su sedime ferroviario. Il disinserimento della stazione è avvenuto alle 22.24, mentre la messa a terra alle 23.37 per il binario 1 e alle 23.43 per il binario 2! In questo caso, il carro ferroviario di aiuto in caso di incendio, stazionato a Chiasso, non ha potuto essere utilizzato per mancanza di personale: infatti la struttura Difesa Impresa FFS di Chiasso, dallo scorso 1. Aprile, non è in grado di far fronte agli interventi, contrariamente a quanto affermato nella vostra risposta alla interpellanza 15.3151, in cui si parla di un tempo di prontezza massimo di 30 minuti. Il TSS più vicino era stazionato a Bellinzona ed ha impiegato ben 82 (!!) minuti prima di arrivare nel Mendrisiotto, contrariamente ai 50 minuti previsti nell’Ordinanza 742.162, non giungendo neppure sul luogo dell’incidente. La situazione creatasi a Mendrisio, in uno stato di difficoltà di intervento per ritardi di autorizzazioni, mancanza di personale e di mezzi, ha mostrato in modo evidente che, in caso di incidente sul sedime ferroviario, i tempi indicati nella risposta alla mia interpellanza 15.3151 non sono rispettati. Inoltre, nell’ultimo rapporto dell’Ufficio federale dei Trasporti sui rischi del trasporto di merci pericolose per la popolazione, sono citate due tratte – 1,8 chilometri nell’attraversamento di Lugano e 3,1 chilometri nell’attraversamento di Chiasso – ritenute maggiormente a rischio per la quantità e la qualità delle merci trasportate. Chiedo quindi al Consiglio federale: 1) Il UFT conferma che i due TSS previsti alle entrate delle gallerie del Ceneri e del Gottardo servono unicamente per la protezione della tratta in galleria? 2) Se si, il resto della tratta in Ticino rimane scoperto? Cosa succede a sud di Melide? 3) Se no, in caso di evento contemporaneo a sud di Melide e all’interno di una galleria NEAT cosa succede? 4) La morfologia particolare del Mendrisiotto ed in considerazione del rischio di incidente ferroviario con merci e sostanze pericolose in luoghi densamente abitati, non richiede uno stazionamento fisso del TSS nella regione? Roberta Pantani http://www.mattinonline.ch/pantani-incendio-alla-stazione-di-mendrisio-risolto-troppo-tardi-servono-mezzi-fissi-piu-vicini/
Leggi tutto

Che il 9 febbraio entri in vigore il prima possibile!

Il rispetto delle decisioni popolari non sembra essere il punto forte dei partitoni storici che ora vogliono che la Svizzera voti di nuovo in relazione al 9 febbraio, la Consigliera Nazionale Roberta Pantani… “Questo è l’obbiettivo di chi non è contento della democratica decisione del popolo svizzero: una misura del tutto fuori luogo che non ha ragione di essere. Il Consiglio Federale deve far applicare il 9 febbraio il prima possibile! Per il momento però non è stata preparata ancora nessuna bozza per l’introduzione di questa legge e il tempo corre. Rivotare il 9 febbraio nelle condizioni attuali potrebbe trasformarsi in un clamoroso auto goal… “Nelle ultime settimane abbiamo letto dell’esplosione dell’emigrazione dall’Africa, con migliaia di profughi che sbarcano sulle coste italiane senza che il flusso accenni a diminuire. Nel contempo il numero di frontalieri continua a crescere mentre la disoccupazione continua ad essere al centro delle preoccupazioni dei ticinesi. Votare ora potrebbe vedere un maggior numero di persone schierarsi a favore dei contingenti e tetti massimi.” http://www.mattinonline.ch/pantani-che-il-9-febbraio-entri-in-vigore-il-prima-possibile/
Leggi tutto